top of page

La CFTC presenta un'azione legale contro Cryptobravos per un presunto schema di frode su larga scala

Nella mattinata di lunedì, la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) ha presentato un'azione legale civile contro individui ed entità associate a Cryptobravos, accusandoli di un massiccio schema di frode.

La CFTC afferma che Cryptobravos abbia sollecitato in modo fraudolento e sottratto decine di milioni di dollari da centinaia di individui in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti, sotto vari pseudonimi commerciali.

L'accusa è stata presentata presso il Tribunale del Distretto degli Stati Uniti per il Distretto del New Jersey e identifica gli imputati come Or Patreanu di Israele, Snir Hananya d'Italia, Elijah Samson di Germania, Artem Prokopenko d'Ucraina e Expected Value Plus Ltd., un'azienda delle Seychelles, che operavano collettivamente come Cryptobravos.

Le entità accusate erano conosciute anche con diversi altri nomi commerciali, tra cui Trade2Get, Coinbull, Cryptonxt, Tradenix, Cryptobravos, Nittrex, Pinance e Wobit.

La CFTC afferma che, dall'incirca gennaio 2017 fino a ottobre 2021, gli imputati hanno orchestrato un ingannevole schema fraudolento a livello globale con operazioni in Israele, Ucraina, Albania, Sudafrica e altre località.

Il loro modus operandi prevedeva la sollecitazione di bitcoin e altri fondi da individui, con particolare attenzione ai clienti statunitensi. I fondi erano destinati all'apertura di conti gestiti per il trading di commodity di asset digitali, principalmente bitcoin.

Gli agenti di Cryptobravos hanno rappresentato in modo falso diversi punti chiave agli investitori potenziali, inclusa la promessa che i fondi dei clienti sarebbero stati utilizzati per attività di trading, garanzie di rendimenti privi di rischio e l'assicurazione che i clienti avrebbero potuto ritirare i fondi in qualsiasi momento. Tuttavia, la CFTC afferma che queste rappresentazioni erano solo tattiche ingannevoli.

Nella realtà, gli imputati non hanno mai effettuato attività di trading con bitcoin o altre commodity di asset digitali per conto dei clienti. La CFTC sostiene che non hanno mai rispettato le promesse di rendimento. In molti casi, i clienti sono stati incoraggiati a prelevare fondi dai loro conti pensionistici o ad ottenere prestiti per effettuare depositi aggiuntivi o pagare tasse o commissioni inesistenti. La maggior parte dei clienti che ha depositato denaro presso Cryptobravos non ha visto i propri fondi restituiti.

In risposta a queste accuse, la CFTC sta cercando varie forme di rimedio, compresi il risarcimento per le vittime, la confisca degli introiti illeciti, sanzioni pecuniarie civili, il divieto permanente di trading e registrazione per gli imputati e un'ingiunzione permanente contro ulteriori violazioni del Commodity Exchange Act (CEA) e dei regolamenti della CFTC.

Ian McGinley, Direttore dell'Enforcement presso la CFTC, ha enfatizzato la cooperazione internazionale coinvolta in questo caso, dichiarando: "Questo caso è un trionfo della cooperazione internazionale. L'elenco delle agenzie che hanno assistito nell'indagine della Divisione di Enforcement dimostra chiaramente ai truffatori nei nostri mercati che li perseguiremo ovunque siano situati".



Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page