FOREX INDUSTRY INSIGHT

I dati del primo trimestre 2022, hanno mostrato un inaspettato cambiamento in alcuni valori chiave in quella che è l’attività dei Forex traders; sarà ora importante verificare nel resto dell’anno se si sia trattato di un caso isolato o dell’inizio di un vero e proprio trend.


Per la prima volta, i trader cinesi che tradizionalmente sono conosciuti per avere un approccio molto “dinamico” al trading e che detengono sempre questo primato, hanno ceduto il passo ad altri. Il numero di operazioni medio di un cliente nel periodo di riferimento è salito da 249 a 260, con lo scettro passato dalla Cina a Montecarlo.


Il valore medio di un conto Forex, prendendo in esame sempre i 10 maggiori paesi a livello mondiale in questo settore, è invece sceso da $2052.26 a $1989.34. Anche prendendo a riferimento il valore medio del primo deposito effettuato dai clienti dei broker si registra una diminuzione: in questo caso da $2139.53 a $1581.72.


Di particolare interesse sono soprattutto i dati relativi al valore medio di un conto retail FX che mostra quanto questo settore sia dipendente dalla leva finanziaria. Essendo quello delle valute un mercato particolarmente poco volatile, un trader retail difficilmente potrebbe trovarlo interessante senza il moltiplicatore della leva che, come noto, può però facilmente trasformarsi in uno strumento pericoloso.




Photo by Carlos Muza on Unsplash

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti